Politics

Una, nessuna, centomila: le cantanti italiane insieme contro la violenza sulle donne



Dopo due anni di rinvii a causa dell’emergenza pandemica, finalmente sabato 11 giugno si terrà alla RCF Arena (Campovolo) di Reggio Emilia il concerto-evento Una.Nessuna.Centomila., il più grande spettacolo mai realizzato in Italia contro la violenza di genere. Il titolo dell’evento è stato spiegato in una nota stampa:

«UNA: perché ogni volta che una donna lotta per sé stessa, lotta per tutte le donne;

NESSUNA: perché nessuna donna deve più essere una vittima;

CENTOMILA: il numero delle voci che si potranno unire alle 7 artiste per il più grande evento musicale di sempre contro la violenza sulle donne».

Le protagoniste dello show, organizzato e prodotto da Friends & Partners e Riservarossa, saranno sette tra le voci femminili italiane più famose e amate dal pubblico: Fiorella Mannoia, Emma, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa, Gianna Nannini e Laura Pausini. Le cantanti si alterneranno sul palco della RCF Arena, ciascuna affiancata dalla propria band, e, per l’occasione, le loro voci si uniranno a quelle di sette artisti italiani di primo piano, che hanno scelto di sostenere convintamente la causa anti-violenza. Caparezza salirà sul palco insieme a Fiorella Mannoia, Brunori Sas con Emma, Diodato con Alessandra Amoroso, i Sottotono con Giorgia, Tommaso Paradiso con Elisa, Coez con Gianna Nannini ed Eros Ramazzotti con Laura Pausini, in quello che, probabilmente, è il duetto più atteso della serata.

I proventi del concerto, nato per dare un aiuto concreto ai centri e alle organizzazioni che sostengono e supportano le vittime di violenza, verranno erogati a strutture in grado di fornire un supporto solido e duraturo alle vittime, garantendo e assicurando la sostenibilità nel tempo delle attività da loro realizzate. In questi due anni di continui rinvii a causa dell’emergenza Covid-19, le sette artiste protagoniste dell’evento si sono impegnate in diverse azioni concrete a sostegno della causa, tra cui la donazione di 200.000 euro a favore del centro antiviolenza “Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate” (CADMI) e alla Fondazione Pangea Onlus per il progetto “Emergenza Afghanistan”.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.