Politics

La One Fashion Night a tutela dell’ambiente, il Made in Italy riparte dalla Campania


Il ritorno della One Fashion Night lancia il progetto “Fashion for Future” a tutela dell’ambiente, in una notte sotto le stelle di Bacoli.

Una serata che ha valorizzato la spiaggia Flegrea all’insegna del trend che tutela dell’ambiente. È tornata la One Fashion Night di Linda Suarez, editore e direttore responsabile di Pink Life, la rivista dedicata alla moda e al Life type, e da Donatella Liguori, responsabile advertising. Fashion for Future è il progetto a cui hanno preso parte anche Antonello Amoroso, Ceo e Founder di Amaranto Group, azienda chief nella progettazione e realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili; Tommaso Ambrosio e Luigi Barone, con Dora Barone, occasion e wedding ceremony planner Labelon, polo del benessere e dell’intrattenimento di Bacoli.

Antonello Amoroso e Linda Suarez

Antonello Amoroso e Linda Suarez

Il progetto è tutto Made in Italy. Nella serata del 26 maggio, uno spettacolo curato dalla direzione artistica di Alessio Menna e dalla direzione creativa di Pasquale Esposito, che ha proposto agli ospiti le ultime collezioni: Demonisanti di Monica De Santis, che recupera stoffe destinate al macero e trasformate in abiti bellissimi; i costumi e i copricostumi di Margherita Mazzei; l’arte sartoriale di Salvatore Pappacena. Make-up affidato al group di Ortensia Tropeano. Hair Stylist Team Leo. Dopo il trend present, spazio allo showcooking dello chef della struttura, Salvatore Andretta con le proposte gastronomiche di Maestri del Forno e Aperificio, le cantine Riccio e La Dispensa di San Salvatore.

La One Fashion Night al Labelon

La One Fashion Night al Labelon





Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.