Politics

Ai domiciliari per droga, in casa aveva 2 chili di cocaina e telecamere: arrestato a Quarto


I carabinieri hanno trovato, in casa di un 27enne di Quarto (Napoli) ai domiciliari per droga, circa 2 chili di cocaina e telecamere; il giovane trasferito in carcere.

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Quasi due chili di cocaina, un taccuino su cui c’erano annotati importi e quantità, telecamere per tenere sotto controllo le vie di accesso. È quello che hanno rinvenuto i carabinieri nell’abitazione di un 27enne di Quarto, già sottoposto agli arresti domiciliari proprio per droga. La perquisizione ha portato all’emissione della misura cautelare, emessa dalla Procura presso il Tribunale di Napoli: per il ragazzo, Carlo Baiano, sono scattate di nuovo le manette, questa volta con destinazione carcere.

Il giovane è stato controllato lo scorso 23 maggio dai carabinieri della tenenza di Quarto Flegreo. I militari hanno appurato che l’appartamento dove il 27enne stava scontando la pena precedentemente inflitta era munita di telecamere di videosorveglianza, installate proprio per eludere i controlli delle forze dell’ordine. Durante la perquisizione è stata trovata la cocaina, oltre a 160 grammi di hashish, un bilancino di precisione digitale, un taglierino telescopico, materiale vario per il confezionamento delle dosi, il taccuino su cui erano segnati importi e quantità, oltre alla somma di 21mila euro, anche questa finita sotto sequestro in quanto considerata provento dello spaccio. Accusato di detenzione ai fini di spaccio, Baiano è stato trasferito nel carcere di Poggioreale.

Il ragazzo era finito in manette nel giugno 2019. Ad arrestarlo erano stati anche quella volta i carabinieri, che lo avevano controllato in zona San Rocco, a Quarto, mentre era in automobile; aveva tremila euro in contanti e, in un vano dell’abitacolo, i militari avevano rinvenuto un involucro con una ventina di dosi di cocaina e, parte, poco più di 25 grammi della stessa sostanza. Arrestato, era stato sottoposto ai domiciliari in attesa della direttissima.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.